Live
  1. SUL PARQUET DEL DUE GIUGNO ARRIVA LA PALLAMANO MEDICEA
  2. PRIMA VITTORIA PER L’SDG SPEZIA
  3. Serie B, TRASFERTA A CARRARA PER LA SQUADRA SPEZZINA
  4. Serie B, L’ SDG SPEZIA SI ARRENDE DAVANTI AD UNA PALLAMANO PRATO PIU’ DETERMINATA
  5. L’SDG SPEZIA SABATO SUL PARQUET DELLA PALESTRA 2 GIUGNO.

LA PALESTRA 2 GIUGNO

È con la definitiva messa a punto operata da Karl Schelenz nel 1919, che la pallamano assume connotati simili alla versione attuale, nonostante venga praticata all’aperto e da 11 giocatori.
L’organo governativo internazionale della disciplina è stato formato per la prima volta nel 1928 come International Amateur Handball Federation, dopo una partita dimostrativa organizzata all’interno del programma ufficiale dell’Olimpiade di Amsterdam, prendendo poi l’attuale nome di Federazione Internazionale di Pallamano (IHF) a Copenaghen nel 1946 e vantando come suo primo presidente l’americano Avery Brundage, diventato successivamente presidente del Comitato Olimpico Internazionale (IOC).
La Pallamano nella versione su prato, con 11 giocatori, fa il suo debutto a cinque cerchi agli XI Giochi Olimpici di Berlino del 1936.

Dopo quell’edizione, la Pallamano su prato non è più presente ai Giochi, ad eccezione di una dimostrazione alle Olimpiadi di Helsinki nel 1952.
Tra il 1938 e il 1966, sono state giocate in in campionati mondiali separati entrambe le forme di pallamano: una versione outdoor giocata su campi da calcio con 11 giocatori e una nuova versione indoor con 7 giocatori.
È con la versione indoor a 7 giocatori che la pallamano torna ai Giochi Olimpici nella XX edizione di Monaco di Baviera del 1972. Il Torneo vede la partecipazione di 16 squadre maschili e la Jugoslavia come prima Nazionale vincitrice di una medaglia d’oro Olimpica in questo sport.
La Pallamano femminile fa invece il suo debutto ai Giochi nel 1976 a Montreal.  L’Unione Sovietica vince questa prima competizione Olimpica femminile, portando a casa anche la medaglia d’oro del torneo maschile.

IL NOSTRO PARQUET, LA NOSTRA CASA!

  • L’ allenatore allena
  • L’ arbitro arbitra
  • TU DIVERTITI il tuo compito è incitare la squadra.
  • Goditi la Partita e tifa più forte che puoi !
  • Non c’è partita senza avversario
  • Non c’è partita senza due squadre
  • Non c’è partita senza arbitro
  • DIVERTITI e applaudi più forte che puoi
  • La Partita è la verifica dopo una settimana di allenamenti
  • Impara a cogliere i miglioramenti della squadra
  • Non importa se “ha vinto” o “ha perso” pensa solo “oggi si è divertito”